Osteopatia
per bambini e neonati
A cura : Prof. Franco Maiuri
Osteopata D.O.m.R.O.
I.
                                             
Le
tecniche di manipolazione osteopatica si basano sul principio che la struttura
del corpo e la
funzione
sono dipendenti l’uno dall’altro. Quando la struttura è alterata attraverso il
sistema
muscolo-scheletrico,
le anomalie si verificano in altri sistemi del corpo. Questo, a sua volta, può
produrre
restrizione di movimento, di mobilità, cambiamenti del tessuto, e asimmetrie
(disfunzioni
somatiche).
Questo
vale per tutte le età, ed è per questo che
l’Osteopatia
si occupa anche dei bambini
, anche molto piccoli e neonati.
L’Osteopatia
si interessa delle carenze strutturali, derivanti per esempio, da traumi subìti
già al
momento
del parto o dopo la nascita. Questi cambiamenti strutturali possono essere la
causa di
disturbi
funzionali come i problemi digestivi del neonato, la difficoltà di suzione o il
vomito, le
infezioni
ricorrenti e fenomeni allergici dell’infanzia, così come, andando avanti
nell’età della
fanciullezza,
la scoliosi, la malocclusione e inadeguatezze comportamentali durante gli anni
scolastici.
Benché
sia bene ricordare che l’Osteopatia non è un’alternativa al trattamento medico,
ma va
intesa
“a fianco” della medicina come un approccio complementare, sono ormai
tantissimi
gli
studi
scientifici che ne dimostrano l’efficacia anche in ambito pediatrico
.
E’ di
quest’anno, per esempio, lo studio italiano condotto dall’
AIOT/EBOM
pubblicato su BMC
Pediatrics e indicizzato su PubMed dal
titolo:
Effetti del trattamento
manipolativo osteopatico
sulla durata del soggiorno ospedaliero in una
popolazione di neonati prematuri: studio
controllato randomizzato.
Condotto
tra il 2008 e il 2009 da
F. Cerritelli, G.
Pizzolorusso, F. Ciardelli, E. La
Mola, V.Cozzolino,
C. Renzetti, C. D’Incecco, P. Fusilli, G. Sabatino e Gina
Barlafante
, lo studio ha riguardato 110
soggetti
senza complicazioni mediche e con età gestazionale tra le 28 e 38 settimane ed
ha
randomizzato
il campione in 2 gruppi da 55 soggetti ciascuno, suddivisi in un gruppo di
studio ed
uno
di controllo. Nel corso dell’indagine tutti i soggetti hanno ricevuto
assistenza pediatrica di
routine,
e il gruppo di studio è stato sottoposto a Trattamento Manipolativo Osteopatico
per tutto
il
periodo di ospedalizzazione.
I
risultati hanno consegnato un quadro chiaro su come il
trattamento
osteopatico incida
positivamente
nella cura dei neonati e sulla durata del ricovero
, con
una grossa differenza tra il gruppo di studio e quello di controllo,
dimostrando chiaramente che l’OMT (Trattamento
Manipolativo
Osteopatico) può avere un ruolo importante nella gestione dell’ospedalizzazione
dei
neonati
prematuri. Un dato estremamente importante a fronte dei costi associati al
ricovero dei
nati
pretermine.
“In America – stando all’analisi di
Russell et al. (2007) a cui si fa riferimento nello studio italiano

si spendono 5,8 miliardi di dollari l’anno, corrispondenti
al 47 per cento del costo complessivo dei

ricoveri di tutti i neonati e al 27 per cento di tutti i
soggiorni pediatrici”
.
Che
l’Osteopatia fosse d’aiuto per ridurre la durata di degenza in ospedale ed il
dolore è stato
confermato
peraltro da
un altro studio,
anche questo italiano, condotto nel reparto di
Neurochirurgia
del “Meyer” di Firenze
e condotto dall’Osteopata Tommaso Ferroni e il dr. Lorenzo Genitori, direttore del Dipartimento
Neurosensoriale dell’ospedale pediatrico.

Il Borgo della Natura
Erboristeria in Abbiategrasso
C.so San Martino, 59
Abbiategrasso (Mi) Italy
02.94969804
ilborgodellanatura@gmail.com
www.ilborgodellanatura.com

 


Segui @IlBorgodellaNat

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *