Il colpo della strega
A cura :

Prof. Franco Maiuri Osteopata D.O.m.R.O.I.

Direttore Scuola Operatori Craniosacrale Milano

www.craniosacro.it
Il colpodella strega è un episodio di lombalgia acuta che si manifesta con un dolore particolarmente
intenso localizzato nella bassa schiena. Il soggetto che ne viene colpito
lamenta un senso di estrema rigidità lungo tutta la muscolatura lombare.
Proprio a causa di questo forte senso di compressione l’individuo tende a
rimanere nella posizione in cui ha avvertito il colpo, ricercando il punto di
appoggio più vicino. Successivamente, limitando i movimenti, si cerca di arrivare
ad una sedia o ad un letto, dove ci si sdraia rimanendo immobili.
I muscoli
dolenti ed eccessivamente contratti riescono in questo modo a distendersi gradualmente
fino a consentire dopo qualche ora la ripresa dei primi movimenti.
Alcune
persone ignare del pericolo che tale gesto potrebbe creare, invece di ricercare
le condizioni di massima immobilità per riposare la muscolatura, tendono a
rialzarsi immediatamente con un movimento piuttosto brusco.
Questo
approccio è ovviamente sconsigliato, in quanto potrebbe causare ulteriori
lesioni sia a livello muscolare che osteoarticolare.
Sono
questi i sintomi e le fasi che caratterizzano il colpo della strega, un trauma
secco ed
improvviso
che si risolve nel giro di 2 o 3 giorni ma che richiede poi un periodo ben più
lungo per la scomparsa completa del dolore.
Il colpodella strega è dunque un evento particolarmente traumatico, un nemico subdolo,
sempre in agguato, che colpisce quando meno lo si aspetta. Il più delle volte
insorge a causa di movimenti insoliti, forzati, troppo intensi o mal
controllati.
Una delle
situazioni più a rischio è il chinarsi per raccogliere un oggetto caduto compiendo
un movimento apparentemente banale che in realtà va a sollecitare in maniera
anomala o eccessiva la muscolatura paravertebrale.
Quando al
mattino ci si alza dal letto la muscolatura di questa zona può per esempio
essere contratta in maniera eccessiva a causa di un banale colpo di freddo, di posizioni
sbagliate assunte durante il riposo o di sforzi compiuti il giorno prima e non
ancora
recuperati.
Dal punto
di vista fisiologico le cause del colpo della strega vanno ricercate, oltre che
nella
mancanza
di elasticità della muscolatura paravertebrale, in patologie che colpiscono le strutture
vertebrali presenti in questa zona.
Per capire
le cause per le quali insorge il colpo della strega bisogna innanzitutto
rendersi conto che la contrattura è un atto difensivo che l’organismo adotta
per evitare conseguenze ben più gravi (
stiramento).
Quando
allunghiamo un muscolo in maniera eccessiva si innesca un meccanismo
involontario
che porta alla contrazione delle
fibre muscolari. In
questo modo se da un lato si evitano i danni da eccessivo allungamento,
dall’altro possono insorgere conseguenze altrettanto negative come la
contrattura o il colpo della strega).
Ovviamente
tanto maggiore sarà l’elasticità della muscolatura paravertebrale e tanto
minore sarà la possibilità di essere colpiti da questo episodio di lombaggine
acuta.
Al
contrario se le fibre muscolari sono già fisiologicamente contratte basterà un
minimo allungamento per scatenare il riflesso da stiramento ed insieme a questo
il dolorosissimo colpo della strega.
Alla luce
di queste informazioni è possibile stilare una lista di condizioni a rischio
che predispongono il soggetto al colpo della strega:

 


Il Borgo della Natura
Erboristeria in Abbiategrasso
C.so San Martino, 59
Abbiategrasso (Mi) Italy
02.94969804
ilborgodellanatura@gmail.com
www.ilborgodellanatura.com

Segui @IlBorgodellaNat

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *